Lista Civica La Piazza

elezioni europee 2019La Piazza non è candidata né partecipa, direttamente o indirettamente, alla campagna elettorale per le elezioni Europee del 26 maggio; riteniamo tuttavia doveroso, nei confronti dei nostri sostenitori, condividere con loro e con tutti i cittadini interessati alcune riflessioni ed indicazioni in vista di questo importantissimo appuntamento elettorale.

Innanzi tutto una riflessione di carattere generale: questo appuntamento elettorale cade in un momento storico caratterizzato dal rinascere e dal crescere, tanto in Europa quanto in Italia, di movimenti e pulsioni nazionalisti, razzisti ed antidemocratici che non possono non ricordare le ideologie fasciste e naziste che hanno precipitato l’Europa nel baratro della seconda guerra mondiale. È nostro convincimento che questa tendenza vada combattuta con fermezza e con convinzione da tutti i cittadini che credono nella libertà, e nell’uguaglianza di tutti gli uomini e le donne; per chi crede nella democrazia il voto è lo strumento cardine per esprimere la propria posizione.

Riteniamo quindi che andare a votare sia, in questo momento, un DOVERE ancor prima che un diritto ed invitiamo tutti i cittadini ad esercitarlo il prossimo 26 maggio.

In molti sostengono che quello di quest’anno sia il voto più importante nella storia dell’Europa comunitaria; non vi è dubbio che la politica Europea non sia stata capace di proseguire nello slancio ideale con cui si era avviato il cammino comunitario nella seconda metà del secolo scorso e che vi siano oggi molte cose da cambiare. Sarebbe tuttavia un errore storico e drammatico pensare che il cambiamento si debba concretizzare in passi indietro; la soluzione non può essere il ritorno ai nazionalismi ma, al contrario, è necessario rilanciare con forza il processo di integrazione e di spinta verso una vera confederazione Europea.

La legge elettorale proporzionale non favorisce le aggregazioni e le coalizioni (in Italia le liste candidate sono 17) e può quindi non essere facile raccapezzarsi e distinguere tra posizioni talvolta apparentemente simili; vi è tuttavia un elemento che può orientarci nella scelta ed è quello dei “gruppi politici” su cui è organizzato il parlamento Europeo. Ogni lista “nazionale” deve infatti dichiarare a quale “gruppo politico” si iscriveranno i propri eletti.

Per quanto riguarda La Piazza abbiamo deciso di non dare indicazioni di voto per uno specifico partito o candidato ma di raccomandare di porre la propria attenzione su alcuni punti che riteniamo importanti:

- Il programma complessivo del gruppo politico di appartenenza e soprattutto i “compagni di viaggio” della lista o del candidato a cui pensiamo di dare il voto

- L’attenzione del partito e del gruppo politico ai nostri valori fondanti già più volte espressi: dignità della persona, solidarietà verso gli ultimi, antifascismo, antirazzismo e rispetto dell’equilibrio ambientale.

- Solo le liste che superano il 4% dei voti accedono al parlamento Europeo

Rinnoviamo comunque il forte invito a tutti i cittadini ad esercitare il prossimo 26 maggio il diritto di voto avendo in mente la responsabilità di lasciare ai nostri figli e nipoti un’Europa più forte, unita e solidale.




FaceBook icon  social youtube  twitter logo  email

Newsletter

Per ricevere la nostra newsletter ti preghiamo di fare clic qui