Lista Civica La Piazza

Aderisci all'associazione: iscriviti e partecipa!

"La Piazza crede nell’impegno sociale e politico come servizio alla comunità, finalizzato al raggiungimento del bene della collettività. Rifiuta clientelismi e personalismi, si richiama al  senso di responsabilità, indispensabile per costruire un mondo più giusto e più equo. Ritiene che l’unica soluzione alla crisi della politica sia l’impegno attivo per il bene comune, l’ascolto dei bisogni dei cittadini e la ricerca di risposte efficaci e condivise."

Leggi lo Statuto

Ogni cittadino che abbia compiuto il sedicesimo anno di età può aderire all'Associazione. Con la sottoscrizione della domanda di adesione i soci accettano lo Statuto, si impegnano ad agire per realizzarlo e sottoscrivono il Regolamento impegnandosi a rispettarlo e farlo rispettare.

Scarica la domanda di ammissione a socio

La domanda, debitamente compilata e sottoscritta, può essere inoltrata via email ad adesione@listalapiazza.it o consegnata a mano ad uno dei Coordinatori.

L’Assemblea dei soci è l’organo decisionale sovrano dell’Associazione; ad essa spettano tutte le deliberazioni non espressamente delegate al Presidente o al Coordinamento dal presente Statuto o dal Regolamento.

Contatti: assemblea@listalapiazza.it

Ad oggi sono attive anche le seguenti assemblee circoscrizionali:

C2 - c2@listalapiazza.it

 

La Piazza entra in Consiglio di Circoscrizione 2 con le elezioni di maggio 2011. La prima battaglia che porta avanti è quella per i fondi di compensazione all’inceneritore previsti per la C2: il “parco tematico ambientale” nei pressi della Cascina Roccafranca, costo previsto 360.000 euro.

Di seguito una rapida sintesi delle azioni intraprese dalla Piazza per evitare lo spreco di questi soldi.


In consiglio di Circoscrizione

- 22 giugno 2011, interrogazione per chiedere di destinare questi fondi ad interventi in grado di contrastare più efficacemente l’impatto ambientale prodotto dal termovalorizzatore;

 

- 6 ottobre 2011, mozione per impegnare il Presidente e la Giunta a sospendere la progettazione del Parco Tematico Ambientale e a promuovere tempestivamente l’individuazione, partecipata e condivisa, di altri progetti di compensazione ambientale di maggiore efficacia e utilità per il territorio.

Mozione bocciata con i voti contrari della maggioranza;

 

- 10 febbraio 2012, interpellanza per chiedere di rimettere a disposizione della comunità i fondi previsti per il PTA.

 

Tra i cittadini

- 11 maggio 2012 assemblea pubblica, organizzata dalla lista civica La Piazza, dal titolo “Come spenderesti 350.000 euro per la C2?”,  nella quale gli oltre cento cittadini presenti hanno presentato più di dieci proposte alternative al PTA. Il video integrale e il verbale della serata; un articolo uscito sulla Stampa del 16 maggio 2012;

 

- dall’assemblea è nata una petizione popolare che ha portato i coordinatori della Piazza a raccogliere oltre 700 firme di cittadini che chiedevano di sospendere la progettazione del PTA individuando un’alternativa tra quelle proposte l’11 maggio.

 

Di nuovo nelle istituzioni

- 30 maggio 2012, ordine del giorno per chiedere la sospensione della progettazione del Parco Tematico Ambientale dando inizio ad un percorso partecipato per ripensare la destinazione dei fondi coinvolgendo cittadini ed eletti insieme, partendo dalle proposte emerse dall’assemblea pubblica.

ODG bocciato dalla maggioranza;

 

- 25 giugno 2012, Consiglio di Circoscrizione sul PTA nel quale viene votato a maggioranza (13 favorevoli, 10 contrari, 1 astenuto) un ordine del giorno che impegnava il Presidente e la Giunta ‘ad attivare una progettazione partecipata attraverso un fattivo coinvolgimento dei soggetti istituzionalmente riconosciuti, dalla Cascina Roccafranca a tutti quei soggetti che fruiranno delle attività che insistono su quell'area di territorio, con i quali realizzare una forte sinergia progettuale che permetterebbe di far esprimere il reale potenziale del progetto con ricadute positive su tutta la circoscrizione.

Rimandiamo direttamente al video integrale per ulteriori approfondimenti.;

 

- 20 novembre 2012, interpellanza per conoscere lo stato della progettazione partecipata del PTA, affidata al Museo A come Ambiente, secondo quanto dichiarato dal Presidente.

Il 3 maggio 2013 scopriamo dalla Stampa che l’Assessore Lavolta conferma la volontà del Comune di non utilizzare per il PTA i 350.000 euro previsti in opere di compensazione sul territorio della Cicrocrizione 2.


- 4 ottobre 2013, interpellanza per avere aggiornamenti sull’utilizzo dei fondi delle compensazioni ambientali destinati al Parco Tematico ambientale, visto che il Presidente e il coordinatore della VI Commissione non avevano più fornito alcuna informazione in Consiglio circa le intenzioni di spesa rispetto ai soldi "risparmiati" e agli sviluppi della vicenda e la VI Commissione non veniva all’epoca convocata da oltre tre mesi;


- Nel Consiglio del 31 ottobre 2013 il Presidente Punzurudu, in risposta alla nostra interpellanza del 4 ottobre, conferma che 200.000 € (dei 360.000 € previsti per il PTA) saranno utilizzati per la sorveglianza sanitaria. Restano 160.000 € da spendere in C2.  Il Presidente comunica che hanno deciso di utilizzarli per il progetto ITER di ristrutturazione dei cortili scolastici.


- il 19 febbraio 2014, nella seduta della Commissione Ambiente del Comune l’Assessore Lavolta comunica la volontà dell’amministrazione di destinare parte dei soldi originariamente previsti per il P.T.A. (i circa 150.000 euro rimasti in capo alla Circoscrizione 2) alla riqualificazione dei cortili delle  scuole del territorio. Secondo quanto comunicato successivamente dal Presidente Punzurudu, il mancato impegno di quei fondi da parte della Circoscrizione 2 entro dicembre 2014 comporta il loro ritorno al Comune.


Intanto il tempo passa… E arriviamo così al consiglio di C2 del 17 dicembre 2014.


La storia del PTA e dei suoi fondi promette altre scintillanti avventure!